4C – Wolf Ferrari

COME CAMBIO, COSA CAMBIA

Rotola fin qui in quarta C il filo bianco che ci farà incontrare; tra i suoi intrecci ciascuno ricostruisce il “luogo dove sta bene”. Triangoli, quadrati, trapezi e poligoni lo custodiscono. Una dopo l’altra, le forme di ciascuno si depositano su un grande cartellone arancione: possiamo comporre un puzzle, senza sapere cose ne uscirà…..una città, una costruzione di lego, degli alberi, una bella casa! Da questo nuovo spazio collettivo partono le nostre esplorazioni: ogni giorni cambiamo colore, consistenza, sapore, forma. Pian piano impariamo ad osservare il cambiamento. E’ giocando che poco a poco è possibile scoprirsi sotto nuove spoglie: danzatori mascherati, ciascuno presenta il suo personaggio. La maschera protegge, se la indosso posso nascondermi e mostrarmi, il mio corpo si muove più disinvolto, posso osservare dentro e fuori allo stesso tempo. Testimoniare chi si muove con attenzione diventa un gioco serio. Ci accompagniamo così: burattinai e burattini, scultori e statue, faretti ed attori. Fino a raggiungere un grande foglio bianco, su cui stesi lasciamo che sia tracciata la nostra sagoma, che si riempie lentamente del tempo passato insieme, del tempo prima e del tempo che verrà.

Laboratorio realizzato da Barbara Colangelo e Silvia Rusignuolo

2357 Total Views 3 Views Today